20 marzo 2007

Esportare la pace.


Sento ancora addosso la contentezza per l’avvenuta liberazione di Daniele Mastrogiacomo, anche per via della decisiva mediazione di Gino Strada.
Sono stato un attivista di Emergency, in quella esperienza ho conosciuto gente fantastica, come Paola, che è la responsabile della sezione di Torino, ed è una persona limpida e generosa, sempre in giro per organizzare la presenza dei banchetti dell’Associazione per le strade e nei momenti culturali della città, ma anche per assicurare l’incontro con i giovani delle scuole per spiegare come “fare la pace”. Gente fantastica come Loris, un’infermiere, solare, allegro, umile, faccia da eterno ragazzino, che mostrandomi le foto che ha scattato in Afghanistan, durante un periodo in cui ha fatto da supervisore nell’Ospedale di Emergency a Kabul, mi ha mostrato una guerra che esiste tutt’ora, e a morire o a venire mutilati sono spesso bambini. Bambini che corrono e scoppiano su di una mina, che la raccolgono pensando fosse un giocattolo (perché li fanno a forma di rondini, sti bastardi di costruttori di mine anti-uomo, e allora capisci che li fanno così proprio per ammazzare i bambini, creare popoli di vecchi e invalidi da sottomettere meglio), e quindi via mani, gambe, parti di addomi, pubi bruciati, occhi che friggono. E la chiamano l’età felice.
Quindi fatemi un cazzo di favore. La prossima volta che qualcuno dice che gli Occidentali intervengono nei paesi medio-orientali per “esportare democrazia”, mostrategli quello che dicono i libri scritti da Strada “Pappagalli verdi” o “Buskashi”, e mandatelo a fare in culo.
Tra l’altro l’opera di Strada per liberare Mastrogiacomo ha mostrato al mondo l’impotenza e l’incoerenza del tanto osannato Karzaj, presidente fantoccio dell’Afghanistan, che piccato dall’esuberanza di Strada ha già fatto fermare uno dei collaboratori di Emergency come atto meramente di ritorsione. Emergency stessa dichiara, in un comunicato stampa che : “Questa mattina all’alba agenti della sicurezza afgana hanno arrestato il manager dell’ospedale di Emergency a Lashkargah, Rahmatullah Hanefi. Rahmatullah ha la sola colpa di avere fatto tutto il possibile per salvare vite umane in immediato pericolo. Emergency fa appello ai mezzi di informazione perché sostengano con forza la liberazione di Rahmatullah Hanefi, che ha contribuito in modo determinante al rilascio di Daniele Mastrogiacomo.”
Invito quindi a rimanere aggiornati sui siti di Emergency e PeaceReporter, i cui link potete trovare nella colonna di destra di questo Blog, per sapere come essere utili per la causa pacifista.
E chi non lo fa che si ritrovi a braccetto di Bondi e Runi al prossimo “Family day” a cantare le canzoni di Azione Cattolica!

7 commenti:

Anonimo ha detto...

la Valsella .....quella che produceva mine c'è ancora?

robibandito

Maurone ha detto...

X Robibandito: grazie alla battaglia di associazioni pacifiste (tra le quali proprio Emergency), ma sopratutto per volere dei suoi dipendenti e dei sindacati che li rappresentavano, dal 1994 la Valsella non produce più mine antiuomo, ma si è convertita all'assemblaggio di prototipi meccanici. :-)

Anonimo ha detto...

ottimo..finalmente una buona notizia..

Effimeramente ha detto...

E agli Americani gli rode da morire che gli Italiani si comprino la liberazione dei loro sequestrati con scambi o in denaro invece che a mazzate...
Però vorrei tanto che, al prossimo giornalizta a caccia di esclusive che si fa beccare da qualche parte, il governo italiano che risponde "è un privato cittadino che si faceva i fatti suoi, il Governo italiano non c'entra niente, potete pure tenervelo". Sai quante palline talebane rotolerebbero per terra? :))

Effimeramente ha detto...

Io di sicuro vado il 28/03 allo Spazio a vedere i !!! sono spettacolari!! Infatti costa pure un occhio! :(

Anonimo ha detto...

...liberato il giornalista, del mediatore non se parla più, ma nemmeno dell'autista.....l'importante era difendere "il bravo giornalista italiano" che documenta la verità...quante falsità davvero...quanta difficoltà nel parlarne......parlavano male di Emergency poi ecco si fanno proprio aiutare dagli "amici del male"........quante falsità...l'unica tac in Afghanistan c'è l'ha proprio un ospedale di Emergency...
and
www.wrong-.splinder.com

Maurone ha detto...

X Effimeramente: mah... con la vita delle persone un governo non dovrebbe mai scherzare troppo, il problema che poni però potrebbe essere gustoso: Mastrogiacomo era lì per spirito d'informazione libera e consapevole, o per fare il figo? E come mai ai giornalisti di Libero e Il Giornale non capita mai niente? Che seguano i dettati embedded?
Non ho mai sentito i "!!!" che musica fanno? e poi specifica "un occhio della testa".

X And: vale quello che ho detto prima, in più penso che negli ospedali di Emergency abbiano dei livelli sanitari più alti che in diversi strutture occidentali, ne ho avuto prova dai documenti che vedevo nel mio periodo di attività nell'associazione!